Escursione sul vulcano Bromo senza tour organizzati

bromo fai da te
Tempo lettura: 10 minuti

L’escursione al monte è un must-to-do per chi ha intenzione di visitare l’isola di Giava. Non importa quanto siate stanchi o quanti turisti ci siano, l’escursione al vulcano sarà sicuramente una delle esperienze più belle di tutto il vostro viaggio. Se siete indecisi su come organizzare la visita questo è l’articolo giusto per voi quindi continuate a leggere.

Come organizzare la visita

Cemoro Lawang

Cosa portare

Trekking

Mare di sabbia Bromo

Come organizzare la visita

L’ ideale è arrivare a Cemoro Lawang (campo base per la salita al Bromo) nel tardo pomeriggio (indicativamente verso le 18.00), mangiare qualcosa, andare a letto verso le 21.00 e puntare la sveglia verso le 02.30 del mattino se volete salire a piedi, o verso le 03.30 se scegliete di salire in Jeep. In agosto le prime luci si iniziano a vedere verso le 04.30 quindi regolatevi di conseguenza.

Prima di organizzare la visita assicuratevi che il  meteo sia abbastanza buono altrimenti il paesaggio sarà scarsamente visibile o non visibile del tutto (questa precisazione vale più che altro per i mesi invernali).

I tour per visitare il parco nazionale del Bromo – Tengger – partono da ogni cittadina più o meno importante dell’isola di Giava e comprendono il trasporto fino a Cemoro Lawang e la salita per mezzo di Jeep sul monte Penanjakan dove ci sono diversi punti panoramici.

Tuttavia se state leggendo questa guida significa probabilmente che il vostro obiettivo non è quello di visitare il Bromo attraverso un tour organizzato bensì quello di raccogliere tutte le informazioni necessarie per il “fai da te”. Mettiti comodo e inizia a leggere.. troverai riassunte qui tutte le informazioni più importanti.

Il primo passo è decidere da dove partire per la visita. Noi abbiamo raggiunto Probolingo da Yogyakarta in treno. Probolingo non è l’unica località dalla quale partono le visite al Bromo ma sicuramente è la più comoda. Un’altra alternativa ragionevole è quella di partire da Malang. Se volete qualche dettaglio in più per partire da Malang potete leggere questa guida.

Cemoro Lawang

Una volta arrivati in stazione a Probolingo non avrete problemi a trovare un passaggio per Cemoro Lawang. Attenzione però: la stazione di Probolingo gode di una pessima reputazione tra i viaggiatori. Non si tratta di un luogo pericoloso, ma i suoi dipendenti non si comportano sempre in maniera onesta, e al suo interno si aggirano molti venditori abusivi di biglietti, che mirano solo a raggirare i turisti.

I bus “pubblici” sono per lo più gestiti da privati, non hanno orari e aspettano che il pullman da massimo 10 persone sia al completo (saliranno almeno in 15). Detto questo non scoraggiatevi, cercate un taxi che vi porti a Cemoro Lawang (ci impiegherà circa 1 ora e mezza ) e pattuite già un prezzo e un orario per farvi venire a riprendere il giorno successivo.

Cemoro Lawang è un paesino piccolo ma in costante crescita dal punto di vista delle strutture ricettive, vista la grande affluenza di turisti durante tutto l’arco dell’anno. Il nostro consiglio è quello di prenotare l’alloggio qualche mese prima tramite booking.com. Noi abbiamo alloggiato al Cemoro Indah Hotel.

A Cemoro Lawang le strutture sono tutte spartane e la maggior parte senza acqua calda e senza lenzuola. Ricordate che la temperatura alle pendici del vulcano sarà molto più bassa di quella in pianura (circa 5°C di notte ad agosto) quindi attrezzatevi di conseguenza e magari portatevi anche con un bel sacco lenzuolo da usare sotto le coperte.

Cosa portare

Indispensabili per il trekking sono una torcia elettrica con una buona luminosità, scarponi e abbigliamento a strati. Camminando vi verrà caldo ma alla partenza e mentre aspetterete l’alba sicuramente vi servirà una giacca a vento.

Trekking

I punti panoramici raggiungibili a piedi sono 3 e li potete vedere segnati sulla mappa qui sotto. Il più alto (rosso) è quello raggiunto da tutte le Jeep dei tour organizzati e quindi quello sconsigliato. La folla di persone genera purtroppo un brusio persistente in contrasto con il silenzio del luogo, disturbando leggermente il momento magico in cui il sole spunta da dietro le montagne per colorare di rosso la cima del Bromo e dei due vulcani alle sue spalle: Tengger e Semeru.

Il nostro consiglio è quello di raggiungere il secondo punto panoramico (blu) a circa un’ ora e trenta di cammino da Cemoro Lawang. Il tragitto è abbastanza ripido se non per una piccola parete rocciosa subito dopo il primo viewpoint (giallo). In salita e al buio potrà apparirvi difficoltosa ma si rivelerà comunque facile, soprattutto durante la discesa. Sicuramente non sarete i soli ad aspettare l’alba, ma durante la nostra visita (in pieno agosto) ho potuto contare al massimo una 50ina di persone. Il primo punto panoramico (giallo) non è comunque da sottovalutare, soprattutto se siete in famiglia e avete dei bambini piccoli.

punti panoramici bromo

Il modo migliore per raggiungere i punti panoramici senza alcun problema logistico è avere la cartina offline di un’applicazione tipo maps.me o scaricata su google maps. Se per caso non avete un telefono o il vostro è scarico non preoccupatevi, il percorso è uno solo e basterà seguire i fari delle Jeep o qualche altro turista per non perdersi. In ogni caso qui trovate il link al secondo punto panoramico.

Lungo il percorso ci sono tende attrezzate (come potete vedere dalla foto) che vendono acqua, tè, noci, mandorle e banane ma potrete anche portarvi qualcosa da mangiare nello zaino.

Se volete assicurarvi il posto migliore una volta raggiunta la cima vi consiglio di partire il prima possibile. Qualcuno si accampa anche con la tenda a metà del cammino nonostante gli spazi siano veramente pochi.

Una volta arrivati al punto panoramico non vi resterà che sedervi, bervi un tè e aspettare il sorgere del sole. Potrete ammirare una paesaggio surreale in cui le pendici del vulcano, ovviamente spoglie, vi si mostreranno inondate da una folta foschia bianca. Con i primi raggi del sole  il paesaggio si colorerà illuminando l’intera vallata, il Bromo il Batok e sullo sfondo il Semeru. Uno spettacolo magnifico, difficile da descrivere in poche parole e carico di emozioni. Prendetevi tutto il tempo per fare qualche fotografia e ridirigetevi verso Cemoro Lawang una volta che il sole sarà alto nel cielo! In questo modo potrete ammirare il percorso che avete “perso” all’andata per mancanza di luce.

 

Mare di Sabbia Bromo

Ammirata l’alba e fatta colazione, potete decidere se volete attraversare il mare di sabbia e scalare finalmente le pendici del Bromo per ammirare da vicino il cratere del vulcano.

Se non sei sceso troppo tardi dal punto di osservazione e non sei troppo stanco potrai attraversare il mare di sabbia e salire in cima al vulcano a piedi. In alternativa potrai noleggiare direttamente in loco una jeep, un motorino o un cavallo. Tutte i prezzi sono molto modesti.

La durata della salita a piedi fino al cratere è di circa 1 ora mentre con i “mezzi” poco più di 20 minuti.

Se decidi di salire a piedi ricorda che ci saranno molto vento e polvere e che il primo pezzo della scalata è ripido anche se dura poco: forza! In totale la salita dura circa 30 minuti e finalmente sarai arrivato sulla cima del cratere! Qui potrai camminare tutto intorno e lo spettacolo sarà fantastico.

Piccola nota aggiuntiva

Probabilmente la visita del monte Bromo sarà inserita all’interno di un tour più ampio! Lasciatevi quindi dare un consiglio: se avete intenzione di vedere anche le cascate di Tumpak Sewu e il Kawah Ijen mettete in conto almeno 6/7 giorni  per tutte tre le visite; è importante anche riposare un poco per godersi a pieno l’esperienza. Se siete ancora all’inizio della pianificazione del viaggio vi consiglio di dare un’occhiata a questo itinerario e se volete qualche informazione sui costi vi basterà leggere qui.

Speriamo che questo articolo sulla visita al Bromo ti sia piaciuto e ti aiuti ad organizzare al meglio il tuo viaggio.

Se hai altre domande non esitare a scriverci nei commenti.

Vieni  a trovarci su Instagram dove postiamo gli scatti più belli delle nostre avventure.

Lascia un commento