Un weekend alla scoperta di Stresa e delle isole Borromee

Tempo lettura: 6 minuti

L’Italia è bella da nord a sud!! È proprio vero. Recentemente siamo andati alla scoperta delle e di Stresa, comune che si trova sulle sponde del lago Maggiore e punto di partenza del nostro itinerario.

QUANDO ANDARE

L’apertura delle Isole Borromeo va da marzo ad ottobre. Noi consigliamo maggio-giugno o settembre inoltrato come periodi perfetti per godere dei colori della primavera o dell’autunno e per evitare il bagno di folla di luglio e agosto.

COME ARRIVARE

Auto

Stresa si trova a pochi km dall’autostrada e per questo motivo risulta facilmente raggiungibile in auto. Uscita Carpugnino (E62).

Treno

Dalla stazione di Milano Centrale il treno parte circa ogni ora e non necessita cambi, dura 1h 08’ (8,60 €) nel caso del regionale oppure 0h 56′ (9,90 €) con l’Eurocity.

Bici

Stresa fa parte del percorso cicloturistico del Lago Maggiore che comprende Sesto Calende – Laveno – Intra – Stresa e Arona.

DOVE DORMIRE

Abbiamo soggiornato presso il B&B Trendy Maison Stresa (https://www.booking.com/hotel/it/trendymaisonstresa.it.html) e ci sentiamo di consigliarlo vivamente. È vicino al porto, alle principali attrazioni e ai migliori ristoranti del luogo. La colazione è buona e abbondante e i propietari sono molto gentili. Bagno in camera e letto comodo.

IL

La prima tappa del nostro week-end è stata il Parco PallavicinoI prezzi e gli orari sono disponibili al seguente indirizzo https://www.italiaparchi.it/parchi-naturalistici/parco-della-villa-pallavicino.aspx. Il Parco, raggiungibile facilmente a piedi da Stresa, si sviluppa su un’area di circa 18 ettari. All’interno si trova la Villa Pallavicino, nata nel 1855 come dimora privata di Ruggero Bonghi. Nel 1862 la proprietà passò alla famiglia nobile genovese Pallavicino che ampliò la tenuta trasformandola in una villa ottocentesca di stile neoclassico. Nel 1956 i Pallavicino decisero di convertire il giardino in un museo faunistico aperto al pubblico.
Nel giardino trovano spazio alberi secolari, splendidi roseti, prati e oltre 50 specie di animali tra le quali canguri, cinghiali, alpaca e cerbiatti. Oltre agli animali la meraviglia di questo parco sono i numerosi alberi come i castani, gli aceri, i ginko biloba, le sequoie e l’immenso cedro del Libano che si trova vicino alla villa. Il parco è un posto ideale per chiunque, ma soprattutto per i bambini che si divertiranno ad accarezzare gli animali liberi di muoversi in quasi tutte le zone del parco. Tempo di percorrenza: 2/3h

LE ISOLE BORROMEO (MADRE, BELLA E SUPERIORE)

Il giorno successivo lo abbiamo dedicato interamente alla visita delle Isole Borromee. Potrete prenotare online al seguente link https://booking.isoleborromee.it/it l’accesso a tutte e tre le isole o separatamente in caso decidiate di non vederle tutte insieme. Noi abbiamo pagato €36,75 la visita comprensiva delle tre isole e del parco Pallavicino (visitato il giorno precedente). Il costo dei traghetti è escluso dalla vista ma è possibile acquistare il biglietto a Stresa in piazza Guglielmo Marconi per circa €15.  Se volete evitare la folla vi consigliamo il primo traghetto del mattino che parte alle ore 9,00. Per i ritardatari o chi vuole dormire di più saranno disponibili traghetti ogni 30 minuti verso le isole e ogni ora per rientrare a Stresa, ultimo  traghetto alle ore 18,00.

Isola Madre

La prima delle tre isole visitate, isola Madre, dista circa 30 minuti da Stresa ed è un prezioso gioiello incastonato nelle acque del lago. L’isola ospita un giardino botanico all’altezza di qualsiasi aspettativa. La vegetazione è rigogliosa, variegata e curata alla perfezione. La pianta principe dell’isola è sicuramente il Cipresso del Kashmir che con  oltre 25 metri di altezza, 8 metri il diametro del tronco e un peso di circa 25 tonnellate sovrasta la parte sinistra del palazzo. Se sei interessato alla storia di questo cipresso puoi leggerla al seguente link (http://www.vialeflowerfarm.com/2015/06/17/cipresso-del-kashmir-dellisola-madre-salvato-dai-principi-borromeo/). Sull’isola troviamo il primo dei due palazzi Borromeo collocato sulla sponda meridionale dell’isola. Nel suo cortile potrete ammirare uno splendido stagno popolato da magnifici fiori di loto, ranocchi e pesci rossi. Isola Madre è l’isola perfetta per chi ama la natura e vuole trascorrere qualche ora nel verde. Tempo di percorrenza: 2/3h

Isola Superiore

Isola Superiore o Isola dei Pescatori è la più piccola delle tre e la seconda che abbiamo visitato. Vi consigliamo di arrivarci per pranzo poiché grazie alla numerosa scelta di ristoranti è il luogo ideale per assaggiare i sapori locali. Se volete risparmiare il consiglio è comunque quello di portarsi il pranzo al sacco, ma se non badate troppo a spese l’isola offre ottime specialità lacustri. Isola Superiore è l’unica delle tre ad essere abitata lungo tutto l’arco dell’anno e conta circa 50 abitanti. Il borgo è caratterizzato da strette viuzze e case sviluppate in altezza per poter risparmiare il poco spazio presente. Al contrario delle altre due isole qui non troverete palazzi o giardini, ma potrete rilassarvi nelle spiaggette sul lato nord dell’isola. Tempo di percorrenza: 1h

Isola Bella

Isola Bella, l’ultima del nostro tour, è un luogo sorprendente come le altre due sorelle. Anch’essa ospita un palazzo, un vero scrigno di arte barocca. Bellissima la sala centrale azzurra e bianca, che sembra sospesa sull’acqua. Il giardino, strutturato su più terrazze e curato nei minimi dettagli, presenta geometrie simili ai giardini dei Castelli della Loira francesi e ospita numerose piante botaniche. Su quest’isola la natura si sposa perfettamente con l’arte barocca dove numerose opere architettoniche si fondono perfettamente con gli elementi naturali presenti. Tempo di percorrenza: 1/2h

 

 

 

Lascia un commento